Cerca nel blog

giovedì 29 settembre 2011

Windsurf a Honk Kong


Sabato 24 settembre ho fatto una gita ad HK di due giorni, causa visto taiwanese, ed ho avuto la piacevole sorpresa di riuscire a fare una session di windsurf nella baia di Stanley la mattina di domenica 26 ed una session di surf nel pomeriggio del giorno stesso!
A parte il cielo plumbeo causa inquinamento da gas di scarico e per la vicinanza con la provincia cinese del Guandong (uno dei posti piu' inquinati della terra), e' stata una piacevole giornata, considerando la vicinanza degli spot dalla citta', entrambi a circa 30 min di autobus, e la possibilita' di affittare tutto in loco a prezzi contenuti (6 euro al giorno per la tavola da surf e' davvero stracciato!).
Se dovesse mai capitare a qualcuno di voi di fare un transito ad Hong Kong e di non avere attrezzatura con voi non disperate: dirigetevi a Stanley Bay per il windsurf o a Big Wave Bay (localita' Shek-O) per il surf, e che Nettuno vi assista!



Stanley Bay 12:00 am: il vento sta per entrare


Piccola panoramica della spiaggia

Ore 13: il vento si attesta sui 18-20 nodi


Ve le ricordate?


La scuola locale di windsurf, alquanto incasinata


Impatto ambientale? Naaa..


Il livello in acqua non era stratosferico, ma il divertimento si!


Sempre bello planare.... a palla!


Piu' guardo certi paesaggi e piu' penso che qualcosa sia andato storto


Big Wave Bay: locals


L'onda sostanzialmente era un close out che rompeva su tutta la baia


Visuale dall'alto del picco: una delle rare onde con una buona spalla surfabile


Al contrario di Stanley, Big Wave Bay e' circondata da colline verdi ancora non raggiunte dal cemento


Alcune volte la Baia produceva delle buone destre


Uno dei caratteristici grattacieli ad angolo di Hong Kong. Pare che la municipalita' li voglia abbattere per sostituirli con palazzi piu' moderni


Wanchai Road ore 20: bastano 30 minuti di autobus per venire catapultati in un'altra dimensione

Aspettando la prima grande mareggiata autunnale a Taiwan,
Aloha a tutti!

sabato 24 settembre 2011

Taiwan chronicles 2

20-21 settembre 2011: mareggiata di inizio autunno
localita': Wushi harbour, Waiao

Dopo un breve check a Wushi harbour, vista la scarsa appetibilita' dello spot con quella condizione, decido di spostarmi nella baia di Waiao, circa 2 km a nord. Li' i set entravano con maggiore ordine cosi' decido di fermarmi un paio di giorni per approfittare della prima mareggiata autunnale.
Waiao e' una baia che produce principalmente onde sinistre su fondo sabbioso. A causa della vicinanza con Taipei e della facile accessibilita', e' uno spot affollato sin dalle prime luci del mattino, come ho potuto constatare.




20/09: Wushi harbour e Waiao

Wushi harbour: l'uscita non e' delle piu' semplici


Wushi harbour: una volta presa l'onda e' meglio seguire velocemente la parete


Waiao: nella baia di Waiao i set entravano piu' ordinati rispetto a Wushi harbour


Waiao: local su una delle rare destre


local bodyboarder


Waiao: il tempio che domina l'omonima baia


local skimboarder


Round house cut back



L'ideale postazione per ammirare la vista della baia


21/09: Waiao


5:30 am Vista della baia dalla mia camera all' hostel "Hisurf" della simpaticissima Brenda


7:30 am, lo spot e' gia' affollato!


Paul, local surfer e shaper delle bellissime tavole Raderg Surfboards


Sullo sfondo si vede il frangiflutti di Wushi harbour


Il prossimo report potrebbe arrivare da un secret spot che ho visto dal treno mentre rientravo a Taipei mercoledi' sera. Presumo sia un secret spot perche' in quel tratto la ferrovia e' praticamente a ridosso della costa mentre l'autostrada passa un po' piu' a monte. La prossima settimana potrebbe arrivare la mareggiata giusta per attivare il suddetto picco, ho gia' l'acquolina in bocca...
Aloha a tutti

venerdì 16 settembre 2011

taiwan chronicles 1

tifone a Waiao, contea di Yilan, NE Taiwan

Eccomi a Taiwan! Dopo l'avventura nicaraguense sono approdato sull'isola di Taiwan il 7 luglio.
Ho viaggiato lungo la costa orientale che si affaccia sull'Oceano Pacifico e nei dintorni di Taipei. Le foto pubblicate riguardano non solo la costa e le onde ma anche le citta' e gli ambienti urbani. Questo perche' vorrei dare una visione quanto piu' completa possibile dei luoghi che attraverso e mi piace poter condividere quello che ho visto attraverso queste immagini.
L'estate ha alternato periodi di magra, non definibili come "piatta" perche' trattandosi di Oceano aperto un mezzo metro quotidiano era sempre presente, a "solid groundswell" generate dai tifoni provenienti dal Mare delle Filippine. In questo ultimo weekend del 10-11 settembre ho scoperto con enorme piacere che la costa sud orientale d'inverno e' una manna per i windsurfisti. Mark ragazzo sud africano residente a Taiwan da diversi anni, mi racconta che i venti invernali da NE generano mareggiate da logo high a mast high con frequenza settimanale. La media delle persone in acqua e' 8-10....
Questo perche' la meta windsurfistica piu' conosciuta di Taiwan e' l'arcipelago di Penghu, situato tra Taiwan e la Cina, posto ventosissimo con condizione tipo Porto Pollo, ma il vero waveriding sta a Est!
Chiunque volesse ulteriori informazioni su come muoversi e dove surfare a Taiwan mi contatti tramite northshoresardinia.com.



la linea "brown" della metropolitana di Taipei: un'ottimo modo per avere una panoramica della citta


Taipei e' una metropoli situata in una ampia valle circondata da colline e montagne ricoperte di vegetazione tropicale


Chi diceva che le orientali non son belle?


Xinlong road, tipica via commerciale: un brulicare interminabile di luci colori e suoni


officina meccanica


Spiaggia di Dulan, vicino a Taidong, SE Taiwan: tipica giornata di meta' luglio


Minnie e Ocean tornano all'hostel mentre Jay entra in acqua per la session di mezza giornata


Ashen (sulla scala) aiuta Barry con la costruzione della sua sauna vista mare


Ufficio postale a Dulan, fotografato dall'interno del negozio dei frullati


Il negozio dei frullati appunto


5:34 alba sulla risaia dietro la spiaggia di Dulan


Fine luglio: tifone a Daxi, mareggiata di 10 piedi e vento sui 30 nodi side-off. Divieto di entrare in acqua..


Daxi, il picco preso dalla stazione dei treni


Turisti e locali si godono lo spettacolo delle onde dalle rocce nei pressi di Waiao


Il lungomare di Waiao con Turtle island sullo sfondo


La sinistra di Waiao a fine giornata quando il vento e' calato del tutto


La lucertola di Taiwan, praticamente onnipresente in tutta l'isola e per niente timida


Giornata dei fantasmi (si chiama cosi'): si preparano tavole imbandite davanti alle case e ai negozi e si recitano preghiere


le montagne che fanno da cornice alla costa a nord di Taidong

Con l'inizio dell'Autunno le mareggiate dovrebbero farsi piu' costanti, a detta dei locali, pertanto conto di pubblicare prima possibile nuovi report dall'estremo oriente.
Aloha a tutti!