Cerca nel blog

lunedì 17 maggio 2010

Capo del Capo 2010

Il dilemma della mattina era La Ciaccia oppure Oristano? ovvero windsurfare oppure andare a vedere la gara "il Capo del Capo". Come si capisce dalle foto la scelta è stata la seconda e ne è valsa quasi la pena. Le condizioni non troppo belle hanno fatto saltare la gara di windsurf spostata a questa mattina mentre è stata svolta la gara di kite. Appena arrivati vediamo nella schiuma un attrezzatura da windsurf con il proprietario diretta a rocce, non c'è moto d'acqua, il malcapitato è Pischedda che rimedia anche una ferita all'orecchio e qualche punto prontamente cuciti dall'assistenza medica.
In mare i kiter invece la fanno da padroni, si stanno svenando prendendo bombe atomiche ed anche nella peggio frullata il kite li tira fuori come marionette, la punta di invidia dei windsurfisti s fa sentire infatti quelle schiume a noi ci terminerebbero senza ritegno. In giro nelle rocce troviamo Mariotti, Rosati, La Croce, Spano e tanti altri nomi "famosi", nonché Valdambrini che edotta sulle quattro pinne  i presenti intorno ad una tavola 99
Matteo Spano, il padrone di casa, chiusa la gara di kite entra in acqua a fare due bordi (nella foto), ma le condizioni non sono il massimo come il vento, ma fà vedere chi è che comanda nello spot.
Tanto pubblico sulle rocce, questa gara, o questo spot dovrebbero utilizzarlo per nominare il campione italiano vero-wave, magari con una trilogia di gare mura a sinistra, mure al centro e mure a dritta, come in Coppa del Mondo.
vedi le foto della giornata 
Capo del Capo 2010

domenica 16 maggio 2010

15 maggio 2010

La strada scorre, ma piano, in effetti quando fa vento pare che tutte le motocarrozzelle, principianti, anziani iperprudenti, signore permanentate e incapaci affollino ogni strada che porta agli spot andando a velocita di lumaca... comunque arrivo alla Ciaccia e lo spot è superaffollato, posteggi pieni e tante vele in acqua, il vento è discreto da 4.2 e le onde un po' schiacciate e storte, perfette condizioni dopo più di 2 mesi senza toccare ne acqua ne un bilanciere, ed i risultati si vedono, fortunatamente non sono l'unico. Tanti ragazzi da fuori che prendono diretti per Maragnani ta cui il nostro Ettore che,  con un gesto di solidarietà, ha staccato pure lui un bel biglietto per le famigerate rocce
A terra invece si vede una bionda dal volto noto di Maui.. è Tatiana Howard del team Naish in Sardegna per il  2° Butterfly Effect event of 2010. La ragazza è pure entrata in acqua ma l'ho persa di vista quindi niente foto, quando è uscita non era particolarmente entusiasta delle condizioni e del freddo, Tatiana avrai modo di ricrederti.
Oggi si volge il Capo del Capo con Andrea Mariotti  in acqua, in culo alla balena Andrè sperando che non troddi
aloha

venerdì 14 maggio 2010

Fine astinenza

Le previsioni sono chiare, il fine settimana si preannuncia ottimo, ponente pieno e quindi anche onda. Con maggio inizia anche la stagione dei turisti  con tratti di mare sempre più affollati, sopratutto da kiter della prima ora, pericolosi come bambini con un coltello in mano. Il mare è di tutti e per questo esistono delle regole, alcune scritte, alcune intuibili e alcune dettate dal buon senso.
In mare è meglio evitare anche gli egoismi, le avidità e le arroganze, succede a tutti di avere bisogno degli occhi di qualcuno addosso che ti possano allungare una mano in caso di bisogno ed il rischio è che quegli occhi possono essere sempre girati da un altra parte. Questo già accade.